Sign In

Jenne

Categoria:

Product Description

Il primo documento che cita Jenne è un atto di donazione che il Papa Leone IX fa del paese al monastero benedettino di Subiaco. In tale occasione l’abate del monastero, Umberto I, nel 1052-53 pose una lapide di marmo con l’epigrafe “Castrum Jennarorum” davanti all’ingresso del monastero di Santa Scolastica, citando Jenne tra i possedimenti del monastero.

Nel 1079 circa, Ildemondo dei Conti, comandante di una pattuglia di normanni e di longobardi assediò Jenne ove impose la resa l’invasore, Ildemondo si riappropriò così di Jenne.

Nel 1113 Jenne fu feudo di un certo Crescenzo, parente dell’Abate Giovanni.

Nel 1116 i seniores trebenses furono costretti a riconsegnare Jenne all’Abbazia, causa una sentenza.

Il feudo fu indi dell’Abate Simone, più tardi di Filippo di Marano (nel 1176), un avo di Rinaldo II che divenne Papa Alessandro IV.

Alla morte di Alessandro IV, il testamento spartì le proprietà tra i discendenti: Jenne passò così a Rinaldo III. Nel 1300 i figli di Rinaldo lasciarono Jenne al cardinale Francesco Caetani.

Nel 1639 il papa Urbano VIII dette “in perpetuo” Jenne all’Abbazia, mentre sotto il papa Benedetto IX il paese fece parte della Sacra Congregazione del Buon Governo di Roma.

Comuni confinanti: Arcinazzo RomanoSubiacoTrevi nel Lazio (FR), Vallepietra

Recensioni

There are no reviews yet.

Aggiungi recensione

Aggiungi recensione

Puoi essere il primo a commentare “Jenne”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *