Sign In

Goriano Sicoli

Goriano Sicoli

Categoria:

Product Description

La prima attestazione del toponimo di Goriano Sicoli si ritrova nel Catalogus Boronum (sec.XII), in cui il paese è indicato come Gorianum Siccum in Balba, feudo di Rainaldo, conte di Celano. Ma le sue origini risalirebbero all’età del ferro, come attestato dalle tombe a circolo rinvenute su Monte Castelluccio. Il borgo fu centro signorile di amministrazione fondiaria, poi ampliato in un nucleo fortificato che, nei secoli, inglobò l’intero villaggio. La storia del castello di Goriano e dell’intero borgo è legata strettamente alle vicende della famiglia Celano fin oltre la metà del XV secolo.

A partire dal 1463 la contea, con il borgo di Goriano Sicoli, diviene appannaggio di Antonio d’Aragona Piccolomini. Seguirà per il feudo una lunga vicenda di compravendite, finché, nel 1661, la Universitas di Goriano Sicoli ne rivendicherà la proprietà e, da allora, il borgo comincerà a riacquistare la propria autonomia. Tra il 1700 e il 1800 la produzione di lana permette di sviluppare un florido commercio con i fiorentini, mentre si sviluppa anche un dinamico mercato della seta con i veneziani. Nello stesso periodo sono attive anche cave di marmo, travertino e pozzolana. Non è un caso che proprio in questo periodo nasca lo scalo ferroviario sulla Sulmona-Roma e nel 1888 si inauguri un’imponente ed elegante Fontana pubblica. Il XIX secolo e l’inizio del XX sono segnati dall’emigrazione verso Stati Uniti, Argentina, Brasile, Canada e Nord Europa, fenomeno durato fino agli anni ’50 e ’60.

Comuni confinanti: Castel di IeriCoculloPrezzaRaiano

Recensioni

There are no reviews yet.

Aggiungi recensione

Aggiungi recensione

Puoi essere il primo a commentare “Goriano Sicoli”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *