Sign In

  • Altitudine 620 m s.l.m. | Abitanti 4.561

Il territorio era abitato da popolazioni erniche e potrebbe forse essere identificato con il Capitulum Hernicum o Hernicorum di cui parla Strabone, collocandolo tra Olibanum e Anagnia . La zona fu in seguito conquistata dai Romani e fu sede di diverse ville rustiche di cui si conservano resti .

Con il nome di Castrum Pileum è citato in un documento del 1088 e secondo una leggenda il nome deriverebbe dal pileum, l’elmo romano che sarebbe caduto per un forte vento al condottiero Quinto Fabio Massimo il Temporeggiatore mentre passava nel territorio.

Saccheggiato nel 1526 dalle truppe di papa Clemente VII, e dalla metà del XVI secolo era inserito nella provincia di «Campagna Marittima» dello Stato Pontificio. Nel 1656 la popolazione venne decimata da una pestilenza, che secondo la leggenda fu arrestata dalla miracolosa immagine della «Madonna delle Rose».

Dopo la presa di Roma nel 1870 fu annesso al Regno di Italia e fece parte del «mandamento» di Paliano nel «circondario» di Frosinone, che apparteneva alla allora provincia di Roma, unica per il Lazio. Agli inizi del XX secolo fu attraversato dalla ferrovia a scattamento ridotto che metteva in comunicazione Roma e Frosinone.

Comuni confinanti: AcutoAnagniArcinazzo RomanoFiuggiPalianoSerroneTrevi nel Lazio

Aggiungi recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio
Rapporto qualità-prezzo
Location
Pulizia

Verificato